Uno dei siti di immersione più amati del Salento è senza ombra di dubbio “il curvone” di Santa Caterina (Nardò). E’ da sempre considerato come un rifugio dai subacquei locali, in quanto la sua particolare conformazione permette di immergersi in tutta sicurezza anche quando le condizioni meteo non sono propriamente favorevoli.

PERCHE’ CURVONE?

Si tratta di una naturale ansa della costa che è possibile incontrare entrando dalla strada che da Porto Selvaggio arriva a Santa Caterina.

Questa lingua di terra si protende verso il mare puntando dritta verso ovest, lasciando così protetti i punti di ingresso situati a sud e a nord, o meglio “a scirocco e tramontana” come si dice in zona. Essendo proprio lo scirocco e la tramontana i due venti predominanti di questa area, è possibile fare un tuffo nelle acque di Santa Caterina praticamente tutto l’anno.

COSA VEDERE

Qualunque sia il punto di ingresso, il Curvone è un immersione che non annoia mai. E’ possibile incontrare tutte le più spettacolari forme di vita che può offrire il mar mediterraneo. Diverse sono anche le grotte che i subacquei chiamano con nomi propri quasi fossero esseri viventi, non solo ma nel punto più profondo, che corrisponde alla punta più ad ovest dell’ansa, si arriva a toccare anche una profondità di 24 metri.

Quella che è possibile fare a Santa Caterina è un’immerisone davvero completa e sempre emozionante, in quanto sfruttando i suoi diversi accessi al mare si ha la sensazione di essere stati ogni volta in un luogo diverso.

Non perderti nessun aggiornamento sulle nostre attività. Seguici su...

Federico Delle Castelle

Open Water Scuba Instructor #302408

Emergency First Responce Instructor

tel. 340 2989499

email info@diverman.it

NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SULLE NOSTRE ATTIVITA'

Federico Delle Castelle

Open Water Scuba Instructor #302408

Emergency First Responce Instructor

tel. 340 2989499

email info@diverman.it