Come ogni anno sono tornato a fare visita la relitto del Tevfik Kaptan 1 a Torre Vado, a quasi 10 anni dall’affondamento i cambiamenti e i danni subiti dal relitto sono stati numerosi, tuttavia durante l’ultimo inverno pare che non ci siano stati altri cedimenti strutturali, la prua risulta ancora in assetto di navigazione, mentre la poppa con le torrette e le cabine è sempre separata e ruotata quasi di 180° rispetto al resto della nave.

 

 

 

 

 

 

Durante l’ultimo inverno non ci sono state mareggiate particolarmente intense per cui sembra proprio che il Kaptan 1 ne sia uscito indenne. Come descritto già in un altro post, vista la scarsa profondità in cui è adagiato il relitto (max 23 mt) e la vicinanza alla costa, fanno si che subisca in pieno le correnti e la forza delle onde.

 

Un aspetto che continua a stupire di anno in anno, invece, è l’incredibile quantità e varietà di vita che ricopre il relitto, durante l’ultima immersione in particolare, sembrava che la nave fosse letteralmente ricoperta da Flabellina affinis e Cratena peregrina, erano praticamente ovunque.

A differenza delle altre volte non è stato possibile avvistare i barracuda che vivono stabilmente nei pressi del Tevfik Kapatn 1, molto probabilmente per via della confusione…in acqua eravamo quasi 20 subacquei!!!!

 

 

Non perderti nessun aggiornamento sulle nostre attività. Seguici su...

Federico Delle Castelle

Open Water Scuba Instructor #302408

Emergency First Responce Instructor

tel. 340 2989499

email info@diverman.it

NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SULLE NOSTRE ATTIVITA'

Federico Delle Castelle

Open Water Scuba Instructor #302408

Emergency First Responce Instructor

tel. 340 2989499

email info@diverman.it